Il realismo architettonico con VRAY 27 Luglio 2022 – Pubblicato in: Cinema 4D, V-Ray

Hai bisogno di alcune indicazioni sul tuo prossimo progetto di visualizzazione architettonica V-Ray per Cinema 4D? Viola Vazio e Stefano Strika di 3D Render & Beyond condividono i consigli degli esperti.

Viola Vazio e Stefano Strika sono architetti ed esperti di spicco in 3D arch con oltre 20 anni di esperienza nel settore, hanno fondato 3D Render and Beyond, un partner di fiducia di V-Ray e il primo centro di formazione ufficiale per V-Ray per Cinema 4D. 

Ricorderete Viola e Stefano del D2 Holiday Special, in cui hanno tenuto un workshop intensivo su V-Ray 5 per Cinema 4D e hanno risposto a tutte le domande degli spettatori. Il loro tutorial sulla replica del MAXXI: Museo delle arti del XXI secolo di Zaha Hadid Architects ha decisamente impressionato il pubblico, insieme alla loro attenzione ai dettagli e alle loro istruzioni amichevoli. Guarda la registrazione del workshop qui sotto. Inoltre, sentiti libero di guardare la prima, la seconda e la terza parte dei video di 3D Render & Beyond sulla realizzazione della scena museale.

Suggerimento 1: porta gli edifici sullo sfondo

Gli edifici sullo sfondo possono essere modellati rapidamente senza doversi preoccupare dei dettagli dando comunque ottimi risultati. Il vantaggio rispetto a una semplice immagine di sfondo è che non sei limitato agli angoli delle foto, quindi puoi spostare liberamente la fotocamera per esplorare la scena senza il timore di imbatterti in uno sfondo vuoto. È anche più flessibile con l’illuminazione in quanto non è collegata alla foto. Scopri un ottimo esempio di questo in una vista panoramica a 360 gradi del Museo MAXXI.

Suggerimento 2: inizia con materiali semplici

Iniziare con materiali molto semplici e poi stratificare lentamente i dettagli dove necessario ti consentirà di avere una sensazione generale della scena fin dall’inizio e quindi di agire su elementi specifici che aggiungono dettagli e qualità al tuo rendering.

Suggerimento 3: approfitta dello spostamento

Lo spostamento di V-Ray è uno strumento fantastico e sofisticato. Sono disponibili diverse opzioni e tutte hanno i loro punti di forza. Ad esempio, con grandi superfici più o meno piatte, possiamo utilizzare lo spostamento in modalità 2D. Questo ci darà grandi dettagli senza utilizzare troppe risorse e l’installazione richiede pochissimo tempo.

Suggerimento 5: gioca con i valori di illuminazione

Consideriamo sempre illuminazione naturale e artificiale come due elementi assolutamente distinti. Per l’illuminazione naturale, utilizziamo spesso il sole fisico in modalità “PRG CLEAR SKY”. Per impostazione predefinita, questo darà risultati eccellenti con molte condizioni di illuminazione diverse senza dover utilizzare un HDRI. Per l’illuminazione artificiale, utilizziamo tre semplici regole per ottenere risultati coerenti.

  • Scegliere la corretta dimensione del corpo di luce
  • Usare l’intensità corretta in lumen
  • Usare la temperatura del colore corretta

Fortunatamente questi sono tutti valori noti, è necessario solo fare una piccola ricerca online per trovare queste informazioni dai produttori di luci.

Suggerimento 6: Sperimenta con LightMix

Niente batte lo strumento Light Mix quando è necessario testare diverse soluzioni di illuminazione. Un’illuminazione ben bilanciata è sempre l’ideale per cominciare, ma con Light Mix è possibile apportare diverse modifiche alla luce in tempo reale senza dover eseguire nuovamente il rendering.

Suggerimento 7: cambia il look con Cryptomatte

Proprio come Light Mix può modificare le luci in tempo reale, Cryptomatte ci consente di modificare i colori degli shader e molto altro. Con questo strumento puoi creare un numero illimitato di maschere che possono essere utilizzate per cambiare l’aspetto dei singoli elementi del tuo rendering. Puoi fare tutto questo senza dover utilizzare nessun altro software di editing, che velocizza un po’ la post-produzione.

Suggerimento 8: passa un po’ di tempo in post-produzione

Sentiamo spesso gli utenti lamentarsi del fatto che i loro rendering sembrano un po’ noiosi per impostazione predefinita; ciò è dovuto al fatto che l’output del render è lineare e manca quindi l’aspetto filmico tipico di una vera fotocamera. Fortunatamente, il frame buffer ha molti strumenti per creare un bel look fotografico.

Iniziamo sempre con tre correzioni di base: un livello di esposizione in cui comprimo le luci, un livello di mappa dei toni filmici con modalità Hable o Heje-Dawson e infine un livello di tabella di ricerca. In questo livello, puoi caricare qualsiasi file LUT che si adatta al mood che si vuole ottenere. Consigliamo le LUT di Kim Amland, ma ce ne sono molte altre disponibili online.

Suggerimento 9: non smettere mai di sperimentare

Molto spesso, a causa delle scadenze o del gusto di un cliente, siamo limitati a ciò che si può fare con i nostri render. Uno dei motivi per cui siamo stati in grado di crescere come artisti 3D è testare continuamente le cose, anche su progetti completati. Ciò ti consente di provare alcune cose che probabilmente non avresti provato per i tuoi clienti.

Mesi dopo aver completato la scena del museo, abbiamo finito per sperimentare un look in bianco e nero, che è uno stile che personalmente ci piace molto. Questo è qualcosa che non avremmo mai creato per un progetto commerciale, ma i risultati si sono rivelati molto belli e abbiamo avuto la possibilità di migliorare le nostre competenze.

Unisciti alla community 3D Render & Beyond

Dai un’occhiata al canale YouTube di 3D Render & Beyond per rimanere aggiornato con tutti gli ottimi suggerimenti e trucchi su V-Ray per Cinema 4D. Se il coaching privato o un corso sugli elementi essenziali di V-Ray 5 per Cinema 4D ti sembra eccitante, visita il loro centro di formazione.