Roshan Hakkim e Keyshot 14 Luglio 2022 – Pubblicato in: KeyShot

Con un master in design industriale e una vasta gamma di esperienze dal lavoro in PUMA a Philips Design, Roshan Hakkim ha affinato le sue abilità, padroneggiando l’aspetto dei materiali e l’illuminazione per creare splendidi effetti visivi del prodotto. Qui impariamo di più sulla sua passione per il design e sul perché utilizza KeyShot durante tutto il processo di sviluppo del prodotto.

Roshan Hakkim

Software di modellazione utilizzato: Rhinoceros, Gravity Sketch
Linkedin | Behance | Instagram | Gumroad

Cosa ha suscitato il tuo interesse per il design industriale/di prodotto?
Proveniente da una famiglia di medici, ero pre-programmato per diventare medico. È stato allora che ho sentito parlare di mio cugino che si occupava di design tessile. La ricerca sul design ha portato a diverse sotto-discipline, ma mi sono subito innamorato del Design Industriale. L’idea di creare un’esperienza migliore è ciò che ha attirato la mia attenzione. Guardando indietro a quel momento, ero sempre pronto a una sfida e spinto a sfidare lo status quo. Sebbene non sia una condizione facile per i miei genitori, sono davvero felice per tutta la fiducia e il supporto che hanno fornito nel perseguire i miei sogni di carriera.

Cosa rende unico il tuo approccio al design?
Non sono sicuro che sia unico, ma il mio principio guida è di non avere un approccio o un processo prestabilito. Ci sono alcune domande come chi, cosa e perché è necessario rispondere o scoprire attraverso il processo, ma la metodologia per arrivarci è qualcosa che si adatta al contesto del progetto.

“Celebrare l’individualità di ogni progetto è qualcosa in cui credo, modificando il processo per adattarlo alle esigenze”.

Celebrare l’individualità di ogni progetto è qualcosa in cui credo, modificando il processo per adattarlo alle esigenze. Anche gli strumenti e il tempo adibito ad ogni fase sono qualcosa che cerco di pianificare in anticipo. La fase di pianificazione aiuta a fornire la struttura o alcuni punti di controllo definiti per la quale vorrei che il mio progetto passasse. Se c’è un passaggio intermedio che aiuta ad elevare la qualità del progetto ma richiede più tempo, faccio del mio meglio per adattarlo al progetto.

Un esempio particolare è stato nella creazione dei miei pennelli Procreate. Ho riscontrato alcuni problemi durante la creazione di pennelli che rendevano le trame della carta senza interruzioni. Dopo essermi fatto ispirare dalle texture procedurali, ho deciso di crearle in KeyShot in modo da avere maggiore controllo.

Qual è il tuo principale software di modellazione 3D?
Ho iniziato con Autodesk Alias ​​e poi ho dovuto imparare Rhinoceros per il mio primo lavoro. La mia relazione con Rhinoceros è sbocciata in un hobby del fine settimana di autoapprendimento negli ultimi anni. A lato, ci sono altri programmi di modellazione 3D che sto provando e imparando, ma Rhino è il mio pane quotidiano. Detto questo, l’anno scorso mi sono procurato un Oculus Quest con l’unico scopo di usare Gravity Sketch. Da allora mi affido a Gravity Sketch dove il software CAD convenzionale non è contemplato.

Qual è il potere dell’utilizzo di Gravity Sketch insieme a KeyShot?
Gravity Sketch in combinazione con la realtà virtuale è qualcosa che trovo molto utile in termini di libertà creativa. Molto spesso ciò che rende speciale per me lo schizzo su carta è la grande apertura. Ci sono casi in cui si perde tempo mentre si traduce lo spirito di quello schizzo in CAD. La geometria CAD è un must durante la visualizzazione in KeyShot. Tuttavia, Gravity Sketch è riuscito a colpire un punto debole qui con la possibilità di disegnare direttamente in 3D. Ciò consente di comunicare o animare direttamente l’output di schizzi dei concetti in KeyShot. Il 2020 è un ottimo momento per strumenti e processi che fanno risparmiare tempo.

In che modo l’uso della realtà virtuale integra il processo di progettazione?
La realtà virtuale potrebbe essere nella sua fase embrionale e sta crescendo lentamente nell’adozione da parte del mercato di massa. Quindi sto aspettando con impazienza di vedere come un’esperienza così coinvolgente possa essere portata in diverse fasi del processo di progettazione. Attualmente, la realtà virtuale è qualcosa che uso ampiamente per l’esplorazione creativa di concetti in combinazione con Gravity Sketch.

Qualche settimana fa ho provato KeyShotXR con una scena di interni che ho creato. Sicuramente ha anche del potenziale per rivedere le revisioni del design degli interni. Allo stesso modo, non vedo l’ora che i creatori di software e gli utenti trovino nuove applicazioni.

Quali sono alcuni progetti che hai utilizzato KeyShot?
Semplicemente non riesco a ricordare un progetto in cui non ho usato KeyShot. Dopotutto, il processo di progettazione implica la comunicazione del progetto ai colleghi all’interno e da altre discipline. KeyShot non è qualcosa a cui mi rivolgo solo per la visualizzazione dei materiali. Ove applicabile, lo uso come un’opportunità per mostrare gli stati del prodotto, i movimenti, i principi di funzionamento e quindi le diverse modalità di funzionamento.

Negli ultimi esercizi di progettazione durante i fine settimana ho esplorato alcune nuove fasi del processo con alcune delle sfide di progettazione su Instagram. Uno di questi esempi è stata la sfida del design degli sgabelli. Ho usato quel brief come esercizio per esplorare archetipi di diversi principi di costruzione, materiali e funzioni con Gravity Sketch. Quella sfida personale mi ha portato a creare circa 36 diversi archetipi nell’arco di due ore. Per mostrare la fedeltà di tali archetipi, ho deciso di comunicare la panoramica delle idee tutte insieme e la possibilità di scegliere un proprio favorito, come mostrato di seguito.

Un altro esempio è la sfida del controller di gioco. Durante un fine settimana incalzante, non ho avuto il tempo di creare un controller da zero in CAD. Dopo aver fatto un tuffo dentro Gravity Sketch in combinazione con KeyShot, ho potuto rapidamente trovare un’idea di progettazione per un controller di gioco.

Nel complesso, in che modo KeyShot ha contribuito a risparmiare tempo, denaro e/o migliorare la qualità?

Mentre mi veniva in mente l’idea di Nike UV+ mi chiedevo come avrei potuto mostrare la reazione della luce su macchie e depositi di liquidi. Dopo aver trascorso alcuni minuti, ho trovato un modo per farlo in KeyShot piuttosto che passare per un’eccessiva composizione in After effects. L’utilizzo di KeyShot mi ha permesso di sincronizzare la reazione dei movimenti del prodotto e di rivederli in tempo reale.

“L’utilizzo di KeyShot mi ha permesso di sincronizzare la reazione dei movimenti del prodotto e di rivederli in tempo reale”.

Allo stesso modo, ci sono altri esercizi o progetti in pentola con lo scopo di ispirare qualsiasi anima creativa là fuori. Resta sintonizzato per ulteriori contenuti a riguardo.

Nel complesso, in che modo KeyShot ha contribuito a risparmiare tempo, denaro e/o migliorare la qualità?
La visualizzazione delle idee è un aspetto chiave del processo di progettazione. Partendo da un punto di vista autocritico e segnando un’area di miglioramento, arriva fino a ottenere il consenso degli stakeholder o dei clienti.

“Il salvataggio delle impostazioni di materiale, ambiente e scene in KeyShot semplifica il processo fino al punto in cui il tempo è ridotto al minimo nelle fasi intermedie della progettazione.”

Ricordo che quando ho iniziato a utilizzare il software di visualizzazione, ci veniva richiesto di comporre il numero “X” di impostazioni e parametri prima di vedere un’anteprima. In quel caso, KeyShot è intervenuto con l’anteprima in tempo reale e fino ad oggi ha intensificato progressivamente il software con un controllo migliore e più funzionalità. Con l’uso di KeyShot Material Templates, posso dedicare meno tempo alle revisioni dello stesso design o di un design alternativo. Molti sarebbero d’accordo, il tempo è denaro e, proprio in questo caso, non vedo nessun altro mezzo per visualizzare rapidamente un’idea di design industriale così facilmente.

Che consiglio daresti ad altri interessati a fare quello che fai?
Il duro lavoro ripaga, forse non a breve termine ma sicuramente a lungo termine o in alcuni casi, entrambi. Viviamo in un periodo in cui app e software emergono con grandi offerte. Se c’è l’opportunità di provarli, non saltarla. Gli sviluppatori di software stanno facendo del loro meglio per fare grandi passi avanti quando possibile. Online, c’è una quantità crescente di tutorial e altre fonti di conoscenza che sono diventate un ottimo costruttore di basi per quasi tutte le abilità che vorresti avere nel tuo arsenale. Usalo a tuo vantaggio. Ultimo ma non meno importante, come designer industriale, ci sono chiari vantaggi nell’essere fluenti con gli strumenti di ideazione convezionali. Sebbene il software possa essere appreso piuttosto rapidamente rispetto allo schizzo o alla prototipazione, potrebbe essere utile non avere un punto debole evidente. Soprattutto, tieni gli occhi, le orecchie e la mente ben aperti.

“Soprattutto, tieni gli occhi, le orecchie e la mente ben aperti. Assorbi la conoscenza come una spugna.”
ROSHAN HAKKIM
Segui su instagram.com/roshanhakkim/